Orario Prelievi 7:30 9:30 dal lunedì al sabato

Esami del sangue tutti i giorni dalle ore 7.30

Esami del sangue senza ricetta medica anche il sabato mattina, senza ricetta, a costi inferiori all'ULSS

Ecografie - Risonanza Magnetica Aperta - T.A.C. - Radiologia

Risonanza magnetica aperta a prezzo ribassato per i pazienti OVER 65

Più di 30 specialisti a tua disposizione

Visite ed esami diagnostici (ecografie, ecocolordoppler, holter) senza tempi di attesa

Ecografie e Mammografie

Ci prendiamo cura della tua salute

Mammografia


La mammagrafia è un esame radiografico delle mammelle (due proiezioni per seno, dall’alto e laterale, con modesta compressione della mammella) consigliato, su scala nazionale, ogni due anni per le donne di età compresa tra i 30 e i 69 anni . L’esame permette agli operatori sanitari di effettuare diagnosi precoce (o prevenzione secondaria), ovvero di formulare diagnosi su formazioni piccole, prima che si manifestino i sintomi clinici (prima che eventuali noduli presenti diventino palpabili). Si tratta di un test accettabile e ripetibile come strumento diagnostico, che insieme all’alta diffusione del tumore al seno (si stima che una donna su 8 nel corso della sua vita si ammali di tumore alla mammella: il più frequente nella popolazione femminile), e alla possibilità appunto di diagnosi precoce è tra i tre programmi di screening oncologici avallati dall’Organizzazione mondiale della sanità (insieme a quello per il cancro della cervice uterina e del colon, con programmi come il pap-test e l’analisi del sangue occulto nelle feci).

In BMED consigliamo il nostro check up senologico, che permette alla donna di fare nello stesso momento mammografia, ecografia e visita senologica. L’ecografia infatti permette di identificare e qualificare anche quei noduli che alla mammografia risultano “dubbi”.

Con la mammografia vengono identificate quasi nove neoplasie su dieci prima che risultino palpabili e gli strumenti di ultima generazione consentono di ottenere una grande sensibilità diagnostica utilizzando il minimo possibile di radiazioni, a una dose non dannosa.

Quando alla visita esiste un dubbio diagnostico o la donna ha una storia familiare a rischio, è consigliabile effettuare un’ecografia del seno, che attraverso gli ultrasuoni permette di individuare la presenza e la natura di un nodulo, in assenza di radiazioni.